10 ottobre 2017

Di follower, notorietà e simili

Nei miei progetti di inizio anno - e ovviamente con "inizio anno" intendo settembre, lo sapete che per me l'anno comincia lì - avevo messo in conto di dedicarmi di più al blog.

Il Flowerstardust ha una storia tormentata, iniziata quando MSN decise di chiudere i blog sul suo circuito. Otto anni fa, quando era appena nato, questo blog era una specie di diario segreto-non-segreto, in cui scrivevo sfoghi, dubbi, domande, post di rabbia e post di gioia. Pian piano ho iniziato a parlare di cose che amavo, di musica, di telefilm e di libri... e adesso mi ritrovo a scrivere post di libri e di poco altro. Ciò non mi fa onore, perchè mi sono sempre sentita orgogliosa del mio avere un blog "di tutto e di niente", che non parlasse solo di un argomento.

Insieme alla mia voglia di ricominciare a scrivere più assiduamente, a settembre c'era tanta voglia di aumentare un po' i lettori e le visite. Non ricevevo molti commenti, i miei follower si erano attestati intorno ai 120/130 da mesi... mi sembrava di aver colmato la misura dei seguaci, ma altre blogger sul circuito mi dimostravano che si poteva avere molto più seguito.

Ho passato una fase di "ma perchè non mi legge nessuno" sconfinata presto nel "non ho speranze, sono i miei post a non essere interessanti". Nel mentre infatti ho aperto la pagina Facebook del blog e mi sono iscritta a qualche gruppo di blogger su Faccialibro... senza grandi risultati.
Un gruppo in particolare mi ha demoralizzata: pensavo di trovarci newbies come me che si scambiavano consigli, invece mi sono ritrovata in mezzo a blogger lanciatissime, con domini acquistati, sponsorizzazioni Facebook, migliaia di follower e tutte SEO, parole chiave e loghi in vettoriale.

Inutile dire che mi sono proprio resa conto che non c'entravo niente.
Arrancavo scrivendo qualche recensione e i post di 5 cose che chiedendomi il senso del mio blog.
 
Ci ho messo un mese a capire il mio errore.
Loro, con i loro blog, ci lavorano. O per lo meno, sperano di riuscire a farlo, prima o poi.
Io non ho nessuna intenzione di guadagnare col mio Flowerstardust... e per guadagnare intendo anche "avere libri gratis grazie alle mie recensioni".
Con questa frase non voglio scatenare nessuna polemica: se qualcuno ha libri gratis per le sue recensioni va benissimo così, sono felice per lui/lei e tutti amici come prima. Semplicemente a me non interessa. Se avrò libri da leggere perchè a qualcuno piacciono le mie recensioni e vuole sapere la mia opinione sulla sua opera ben venga, mi fa piacere e mi sentirò lusingata. Se avrò più follower perchè a qualcuno piacciono i miei post e mi vuole seguire per non perderseli, ben venga. Ma nessuna strategia e nessun piano di marketing, per me. Non voglio "strumentalizzare" il mio povero blog rendendolo ancora più distante dalla sua originale forma di regno magico fatto di fiori e polvere di stelle in cui essere soltanto me stessa.
Una volta ho detto che chi leggeva il mio blog mi conosceva quasi più di chi mi vedeva tutti i giorni... e voglio che torni ad essere così. Pochi post, non banali, sentiti, di cuore. Anche se non sono di moda e mainstream, cosa importa? Anche se avrò pochi follower, cosa importa?

Ma anche questo, non è vero.
Non è vero perchè in questo mese e mezzo ho visto aumentare i follower e perfino i commenti (lo so, passare da 0 a 10 non è difficile... ma è già qualcosa)... ma non con lo spam o la pubblicità o cose del genere. È stato grazie alle relazioni.
Come nella vita, per avere amici bisogna investire il proprio tempo nel costruire relazioni: bisogna leggere post, e commentare, e partecipare alle iniziative, e leggere i blog degli altri e lasciare loro un segno del tuo passaggio. Fare agli altri quello che vorresti facessero loro con te, insomma.
Anche perchè io sinceramente preferisco avere 160 follower e 10 commenti sotto ogni post, che 1600 follower e 1 commento sotto ogni mio post.

Ringrazio con tutto il mio cuore le persone che si fermano a leggere e commentare i miei post, e soprattutto quelle che si fermeranno a leggere e commentare questo.

Lo scopo di questo blog è sempre stato quello di condividere le mie emozioni, e se anche solo una persona decide di leggere e commentare le mie parole... beh, allora sto già avendo successo.

Photo by Josh Boot @ Unsplash

15 commenti:

  1. Pensiero giustissimo, non posso che essere d'accordo con le tue parole! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rowan! Il fatto che sia proprio tu, blogger che stimo un sacco, a dirlo, per me vale doppio! :)

      Elimina
  2. Esatto, anch'io la penso nello stesso modo! Io scrivo il blog per me stessa e per condividere parte della mia vita e della mia passione. Se poi qualcuno trova piacere nell'inviarmi un libro o chissà cosa per leggere poi il mio pensiero, ben venga, ma io continuo per la mia strada! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si infatti! Prendere le cose con filosofia è la strada! Adesso l'ho capito anche io! ^^

      Elimina
  3. Ciao Lara,
    anche io preferisco avere meno followers ma che mi seguono e commentano col cuore e mi piace, e anche molto!, partecipare a raccolte e scambi di ogni genere e tipo.
    Il mio blog è nato in primis per mostrare i miei lavoretti, e non certo per venderli, poi man mano sono subentrate altre cose, tra cui la cucina, e gli scambi.
    Ogni giorno cresce un po' di più, anche se a volte lo "abbandono" un po'....
    Spero di non diventare mai monotona e di trovare nuovi amici, anche se solo virtuali.
    Buona giornata,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto quello che hai detto, e il tuo blog a me piace molto! A presto Sara! :)

      Elimina
  4. ti capisco benissimo. Anch'io ho passato diversi momenti quest'anno, ma in particolare nel 2016. Volevo dare una svolta professionale al blog e iniziare a fare sul serio, ma ho capito che non fa per me, non è quello che voglio realmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me te ne accorgi solo quando capisci cosa vuol dire fare sul serio... e ti rendi conto che in fondo in fondo ti toglierebbe tutto l'entusiasmo!

      Elimina
  5. Ciao, mi sono ritrovata molto nelle tue parole, il mio blog è aperto da ormai un anno e mezzo e non ho moltissimi follower, ma ogni volta che ricevo un commento è sempre una gioia.
    Quando ho iniziato non mi aspettavo nulla e lo facevo semplicemente per passione, ed ora non è cambiato nulla :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo benissimo la sensazione! Io a volte mi prendo male quando vedo blog che celebrano il loro primo anniversario e hanno il triplo dei miei follower... forse la strategia è semplicemente smettere di fare paragoni! ^^

      Elimina
  6. Segui sempre il tuo cuore, il tuo blog deve rispecchiarti, non deve essere un peso, ma qualcosa che ti rende felice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì infatti! Grazie per il tuo commento! :)

      Elimina
  7. Ecco, io la penso esattamente come te. Sai quante volte ci sono stati blogger che ho trovato sulla mia strada che mi hanno chiesto perchè non mettevo banner pubblicitari, perchè non cercavo sponsorizzazioni ecc.? Il fatto è che non ci vedo nulla di male a cercare di guadagnare col proprio blog, ma non è ciò che desidero io.
    Il mio blog (e tu lo sai, seguendomi da tempo) è il mio diario online, è una parte di me, condivido passioni e pensieri, vita quotidiana.
    Se mi leggono in tanti o in pochi non mi interessa più di tanto, sono felice però di ogni singolo commento che ricevo perchè quello si è una cosa che mi piace, mi fa sentire di aver fatto la scelta giusta per me impostando in un certo modo il mio blog.
    Vorrei essere più presente sui blog dei miei amici, questo me lo riprometto anche se il mio tempo libero è poco.
    E con queste piccole riflessioni ti saluto e ti abbraccio :)
    Ciao! E vai per la tua strada, il tuo blog è carinissimo come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris! Apprezzo un sacco le tue parole di incoraggiamento!

      Elimina
  8. Ciao Lyra (io ti chiamo ancora così perché così ti ho conosciuta)!
    Purtroppo, questi ultimi mesi sono stati parecchio impegnativi e mi sono persa parecchi tuoi post.
    Però, meglio tardi che mai tornare da queste parti, no?
    Il mio pensiero è molto affine al tuo, ci riflettevo giusto qualche giorno fa riguardo alcune youtuber: recensiscono benissimo prodotti orrendi solo per farsi recapitare a casa un sacco di cose.
    Personalmente, continuo ad apprezzare chi riesce a mantenere l'obiettività, realizzando recensioni oggettive e non influenzate dalle logiche di mercato (che siano libri, cosmetici, abiti o strumenti per il fai-da-te).
    Questo tuo progetto merita tanto, ma non deve essere una corsa contro nessuno. Dalle tue parole traspare molta maturità, complimenti.
    Un bacione e continua così!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra