30 gennaio 2018

Recensione ★ Ossidea - la città del cielo

Un libro ricevuto per scambio che attendeva da mesi sulla mia mensola! Mi ispirava e non mi ispirava, ne ero tentata e allo stesso tempo temevo di esserne delusa... ma alla fine ecco qui, un "libro di cui rimando la lettura da troppo tempo". Uno dei tanti! ||

Ossidea - La città del cielo
 di  Tim Bruno



|| David ha dodici anni, non vede suo padre da anni e ha un grandissimo talento nel disegno. Il suo viaggio inizia quando una piccola chiave d'oro e una creatura che sembra uscita da un libro fantasy compaiono nella sua vita: senza capire come, David si trova in un mondo diverso dal suo, abitato da diverse specie viventi, con fiori alti come alberi, giganti che non sanno nuotare ed esseri che cavalcano destini. Tutto il suo viaggio è diretto alla capitale del regno degli elfi, dove la bellissima Ossidea, regina della città del cielo, è minacciata da Kahòs e dai suoi kahuri. Ma David porta con sè un terribile segreto... forse ha a che fare con la figura misteriosa che popola i suoi incubi da quando ha messo piede nella terra di Arcon?


Sconfessando al terzo libro il mio proposito di finire le serie iniziate prima di cominciarne altre, ecco qui: il primo libro di una nuova saga! Come ho detto all'inizio, l'ho avuto con uno scambio... mi ispirava e l'ho trovato gratuitamente, quindi ho pensato "perchè no"? Però poi... però poi ho letto qualche recensione, tutte piuttosto scettiche e poco entusiaste... temevo di esserne profondamente delusa!

In realtà, come potrete constatare dal resto della recensione, non è che mi abbia entusiasmato del tutto... però non ho faticato a leggerlo, quindi tutto sommato è un buon libro.

La storia è veramente molto semplice: tratta il viaggio di David lungo la terra di Arcon, dall'albero di melograno dove si ritrova al suo arrivo fino ad Etheria, la città del cielo che si trova al di là del mare. In questo suo viaggio incontra molti esseri viventi e molti ambienti diversi, e sono proprio queste ambientazioni e questi personaggi a dare un po' di sapore al libro: sono originali e ben caratterizzati, ma soprattutto hanno un linguaggio tutto loro! Dal cinghiale Grulfus ai nuk nuk, dai giganti ai Gurblù, ogni razza ha la sua lingua, che richiama i loro nomi: i nuk nuk hanno una lingua tutta schiocchi, i giganti un linguaggio duro e arido come le rocce della loro terra, i Gurblù gorgogliano una lingua tutta loro a cavallo dei loro delfini. Questi viaggi e la meraviglia che suscitano sono il vero cuore del libro, e le illustrazioni che lo corredano sono un'arma a doppio taglio: se da una parte aiutano a vedere il mondo come lo ha immaginato l'autore, dall'altra ti "obbligano" a non immaginare una tua versione. A me piace di più vedere le cose con i miei occhi, ma penso che sia una cosa che va molto a gusto personale.

Per la delicatezza dei legami di amicizia, per il coraggio che il giovane protagonista dimostra e per la magia e il fascino del racconto questo libro mi ha ricordato una versione "maschile" della saga di Fairy Oak di Elisabetta Gnone. Se quella la consiglierei a una bambina tra gli otto e i dodici anni (ma a me è piaciuta anche se ne avevo più del doppio quando l'ho letta), ad un maschio della stessa età consiglierei questa: c'è una buona dose di azione e di avventura, insieme a insegnamenti molto belli sull'alleanza, sul perdono e sulla fiducia.

Una storia semplice, adatta ai bambini, ma godibile anche da adulti. Ammetto che una parte di me potrebbe prendere in considerazione l'idea di continuare a leggere la saga... se non altro per sapere come potrebbe andare a finire!


Quel melograno, sulla prima pagina del diario,
segnava l'inizio della sua avventura.

Stelle: 3/5

4 commenti:

  1. La mia lettura risale a ormai 6 anni fa, se non sbaglio avevo dato il tuo stesso voto, ma non mi ha entusiasmato più di tanto, infatti è una delle poche saghe che ho deciso di non portare avanti. Però non è brutto, penso sia una di quelle storie che si apprezza di più da ragazzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con te! :)

      Elimina
  2. 'Ossidea' è una serie che ho tenuto d'occhio per anni... poi me ne sono completamente dimenticata fino ad oggi! D: non so come sia potuto succedere o.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrai incrociato sulla tua strada libri che valeva più la pena di leggere! Questo non è male... ma neanche un capolavoro!

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra