11 ottobre 2017

Recensione ★ Fangirl

Con non poca fatica sono riuscita a finire di leggere questo libro, che si preannunciava come uno dei più bei libri dell'anno... finendo per regalarmi una inevitabile delusione. Stavolta mi rendo conto che dipende solo da me e dai miei gusti, ma sinceramente mi aspettavo di più...


Fangirl
 di  Rainbow Rowell


Cath e Wren sono gemelle, ma non potrebbero essere più diverse: nel suo primo anno all'università, Cath fa fatica a fare qualcunque cosa, compreso stringere amicizie. Wren invece è sempre in giro tra confraternite e feste. Quello che le ha accomunate fino a quel momento è la passione per Simon Snow, un personaggio letterario, e la voglia di scrivere fanfiction su di lui. Ma l'università scombina i ritmi e ribalta gli equilibri, e Cath sarà costretta a sollevare gli occhi dal suo laptop per guardare in faccia il mondo reale. Scoprirà così quanto può essere bello (e anche brutto, e a volte tutte e due le cose insieme) uscire dalla fantasia per vivere nella realtà.
   

Ho visto questo libro in troppi post, letto la trama mille volte... e ogni volta mi sono detta "lo devo leggere assolutamente!". Sapevo già che non mi sarei appassionata alla storia quanto altre blogger, a causa della mia repulsione per i romanzi rosa e gli Young Adult... ma insomma, la storia di "una ragazza timida che scrive fanfiction romantiche" poteva davvero non piacermi? Ebbene la risposta è .

Alcune cose di questo romanzo mi sono piaciute.
La prima è il fatto che sia incentrato sul mondo delle fangirl: chi non ha passato una fase della sua vita in cui era così fissata con qualcosa da praticamente limitare il suo mondo a quella cosa? Io ho avuto la fase Harry Potter (alle medie), poi Il Signore Degli Anelli, e poi Glee, e poi The Mentalist... al momento sono un tantino in fissa con Chicago Fire, mi manca solo di scriverci la fanfiction e poi la fase di fangirlaggine per questa serie tv sarà ufficializzata. Per cui insomma, leggere di una svitata come lo sei tu è anche carino. In più è la prima volta che leggo una storia in cui ci siano le fanfiction! Quante fanfiction ho scritto nella mia vita... e quante ne scrivo ancora! Mi ha fatto molto piacere riconoscermi in Cath, nella sua smania di scrivere, nella sensazione che le parole escano da sole dalle tue dita senza che tu le stia veramente costruendo. Questo lato del romanzo mi è piaciuto molto.
La seconda cosa che mi è piaciuta è la tenerezza del personaggio di Levi. A volte l'ho trovato un po' eccessivamente tenero, quasi stucchevole nella sua dolcezza e disponibilità... però è obiettivo che sia il fictional boyfriend per eccellenza (però se ci penso bene Levi mi ha fatto pensare tantissimo al mio agente Booth negli atteggiamenti, nei sorrisi e nelle carezze... quindi non è neanche poi così "fictional")!

Le cose che non mi hanno fatto appassionare a questo libro sono molte, e per questo ho fatto veramente fatica a leggere le ultime 100 pagine. Ho deciso almeno tre volte di non finirlo (ma la challenge di GoodReads in cui sono indietro mi ha fatto sforzare XD). Non l'ho trovato per niente "accattivante".
In parte è sicuramente perchè a me i romanzi rosa non attirano: io voglio azione, bene contro male, battaglie, duelli, momenti mozzafiato, magia... sapere se Cath finirà con Levi e se riuscirà a fare pace con Wren non sono cose che mi spingono a terminare un romanzo.
E poi in questa storia ci ho trovato troppe cose irrealistiche per farmi vivere la storia di Cath come quella di una "normale fangirl".
In primis non vedo perchè una ragazzina timida e un po' nerd deve per forza avere una sorella (gemella, per di più) tutta feste e sbronze. Mi è sembrato banale e irreale al tempo stesso, un clichè da film americano. E non ho gradito nemmeno che la povera Cath si ritrova senza mamma, con un papà dall'equilibro psichico difficile e abbandonata anche dalla gemella che preferisce alcol e feste a lei.
Questa parte, che probabilmente doveva spingere a provare tenerezza per lei, in realtà me l'ha resa lontana, irreale. Non sono riuscita a provare simpatia per una ragazza che mi è sembrata un personaggio, e non una persona.
Ma la cosa che mi ha sconvolta più di ogni altra è stato l'elemento di "fama" che viene data a Cath come scrittrice di fanfiction. La sua fanfiction gay su Simon Snow ha diecimila visite a capitolo. Diecimila. Non conosco nessuna fangirl che scrive fanfiction che abbia così tanto seguito! Mi sarebbe piaciuto di più se la storia si fosse incentrata su una fangirl media, come tutte, non con una superspeciale che ha più seguito della Rowling su Instagram. Anche questo mi ha reso Cath molto poco "vera" e quindi molto difficile entrarci in empatia.

Infine, ho una piccola nota sullo stile.
La storia è intervallata dalla fanfiction di Cath, letta dalla sua stessa voce, e tra un capitolo e l'altro ci sono paragrafi dal libro "originale" di Simon Snow. A parte che non ho capito bene il legame tra quei frammenti di storia e la storia in sè (probabilmente sono poco perspicace io), ma quello che non mi è piaciuto è la mancanza di cambio di stile. La storia che ci viene raccontata dalla Rowell, la fanfiction di Cath e i brani dai libri di Gemma Leslie sembrano raccontati tutti dalla stessa voce! Secondo me se ti sforzi di scrivere tre storie si deve "sentire" che sono tre storie diverse.

Sono sicura che sia un libro carino, che può piacere ed essere amato da moltissime ragazze, perchè è davvero dolce e tenero e originale... ma a me non ha detto granchè. Finisce direttamente nella lista dei libri "belli ma non bellissimi" che non credo rileggerò.


Non esiste cosa più inebriante del creare qualcosa dal nulla.
Partendo solo da sè stessi.

Stelle: 3/5

16 commenti:

  1. Mi spiace che non ti abbia entusiasmato! Io ho letto solo recensioni super positive, ma ancora non l'ho letto, quindi chissà a me che effetto farà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso che sia brutto, ma direi che non è affatto "superbello"! Ma tu sei più romantica di me, potrebbe piacerti! ;)

      Elimina
  2. Mi dispiace tanto che non ti abbia convinta al 100%, io lo ho davvero adorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De gustibus! Io però sono una fanciulla un po' anomala, nel senso che i romanzi rosa non mi piacciono mai! ;)

      Elimina
  3. Io ho trovato molto importante la presenza di una famiglia con diversi problemi. Per quanto triste, è una realtà che molti si trovano ad affrontare e una rappresentazione è sempre gradita, secondo me. Fangirl mi è piaciuto molto, sopratutto per Cath. Su vari livelli sono riuscita ad interagire con lei, ansia e scontro con diverse e più estroverse personalità incluse :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, sulla parte dell'ansia e del "sentirsi diversa" non mi è affatto dispiaciuta! Solo mi sembrava che i molti problemi della stessa famiglia fossero tutti un po' abbozzati, non li ho trovati molto realistici! Tutto qui! Grazie per aver commentato!

      Elimina
  4. Nemmeno io l'avevo letto ne tuttora l'ho letto, ma ho letto recensioni di ogni salsa. E penso che a questo punto dovrei farmi un'idea anche io :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, io le recensioni non le avevo lette per non farmi influenzare! Ho apprezzato molto potermi fare una mia idea su questo libro, anche perchè è diversa da quella del 99% delle persone che l'hanno letto! XD

      Elimina
  5. A me non è piaciuto per niente U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Rowan, è l'ennesimo libro su cui siamo d'accordo! :D

      Elimina
  6. Premetto dicendo che non ho mai letto questo libro ma ce l’ho in wishlist da moooolto tempo, quasi me ne vergogno XD
    Di questa autrice (autore? Oddio lapsus) ho letto un solo libro ossia:”Eleanor and Park” che, nonostante sia un libro mediocre (stile molto semplice, storia quasi banale, alcuni sentimentalismi), mi ha decisamente stupita e l’ho apprezzato tantissimo! E, sì, anch’io non riesco nemmeno ad aprire i libri rosa o romantici; per gli YA ho un debole, lo ammetto, ma è perché sono libri molto leggeri che puoi leggere in poco tempo e non richiedono nemmeno un impegno eccessivo (anche se ne ho lette di str*****e).
    Sunto del discorso, sei la prima di cui leggo una recensione così poco entusiastica, ma per me è positivissimo: è importante rimanere critici quando si parla dei libri, considerare tutti i punti a favore e quelli negativi! Solo così si riesce a dare un merito all’autore!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo bellissimo commento! Spero che leggere recensioni negative e positive degli stessi libri aiuti i lettori a decidere se vale la pena o no leggere un libro! ;)

      Elimina
  7. Ciao, sono una nuova follower! Non ho ancora letto Fangirl ma ce l'ho in TBR da un bel po' e, sinceramente, non ispira molto neanche a me. Neanche io sono una grande fan dei romanzi rosa e gli YA li digerisco solo se c'è tanta azione di mezzo quindi mi butterei moooolto prevenuta nella lettura di Fangirl. C'è da dire, però, che avendo letto Carry On (la storia dei Simon e Baz delle fanfiction di Fangirl) mi incuriosisce un po' sapere come erano ritratti quei due in questo libro. Quindi, sì, effettivamente leggerei Fangirl solo per Simon e Baz, e questa tua recensione mi ha reso ancora più chiare le idee in proposito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, sinceramente secondo me allora non ne vale la pena! Anche perchè sono sicura che Carry On è molto meglio di questo! Grazie per il tuo commento, passo a salutarti!

      Elimina
  8. Mi spiace che non ti sia piaciuto più di tanto, io l'avevo adorato! Ma c'è anche da dire che l'ho letto prima che diventasse ultrasuper famosissimo e che quindi avevo anche delle aspettative ridotte, per fortuna! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che le aspettative siano l'enorme guaio dei libri... io comunque non ne avevo di altissime, è proprio che il genere "mancanza di azione" credo non faccia per me! :P

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra