Hania - il cavaliere di luce

Dopo aver amato la saga degli Ultimi, ho deciso di sperimentare la nuova serie di Silvana De Mari. Ci sono pro e ci sono contro, in questo libro, ma la valutazione è comunque tutto sommato positiva... 

Hania - Il cavaliere di luce di  Silvana De Mari

Haxen è una madre. Ma non ha mai conosciuto un uomo nella sua vita. Si è ritrovata incinta dopo una notte di buio e terrore, in un luogo misterioso, nelle tenebre più complete mentre il cielo sopra di lei era ferito da meteore color sangue.
Nove mesi più tardi Haxen fugge, con al collo la neonata. È bionda e bellissima come sua madre, ma muta, scorbutica e scostante. Hania - così si chiama la bambina - infatti è umana solo per metà: suo padre è il Signore degli Inganni, l'Oscuro, il grande Signore del Male, che ha organizzato la sua nascita per dannare l'umanità. Gli uomini dovranno scegliere se uccidere bambini innocenti, sperando così di uccidere tra loro la figlia del Male, oppure se lasciarla crescere e vivere, in attesa del momento di dannarli. La scelta è ardua e difficile, ma Haxen segue i consigli che le aveva dato da bambina suo padre, e grazie agli insegnamenti del Cavaliere di Luce, decide di prendere una terza via...

Ammetto che pensavo meglio, speravo in qualcosa di più epico e aulico e coinvolgente, qualcosa che fosse all'altezza della saga degli Ultimi {qui la recensione del primo libro} che ho tanto amato.

Questo libro è bello, mi è piaciuto molto e la scrittura della De Mari è sempre per me come un canto di sirene: mi trascina nella storia con dolcezza e maestria, con descrizioni stupende e la costruzione di mondi alternativi sempre verosimili e allo stesso tempo fantastici. La sua capacità di raccontare, narrare e descrivere posti, sentimenti e persone è altissima e superba, questo è innegabile.
Tuttavia in questo libro non ho trovato quella umanità varia e vera dell'altra saga. I personaggi sono solo Haxen e Hania, madre e figlia, che si rimbalzano la parola di capitolo in capitolo. Principessa eroica e valorosa l'una, bambina scorbutica e detestabile l'altra. Una bimba appena nata che dimostra tre anni, ha conoscenza su ogni cosa del mondo e odia tutto e tutti, attendendo il momento in cui suo Padre - e non sua madre, con la m rigorosamente minuscola - arriverà e la glorificherà, dannando il mondo e mostrandola come la grande discendenza che è. È lei la vera protagonista: Hania si ritrova, potente e malvagia, rinchiusa in un corpo di bimba, alle prese con le necessità di calore, cibo e sonno, divisa fra la necessità e l'odio per le tenerezze materne.
I personaggi sono praticamente finiti qui, e anche il terzo personaggio importante della comitiva - che non nomino per non fare spoiler - mi è sembrato piatto e affrettato... Perfino i più marginali personaggetti dell'altra saga erano così vivi e vibranti da ricordarli benissimo. Qui questo non c'è proprio, forse per scelta, forse per esigenze di brevità, non so.

Quello che però mi è piaciuto - e molto - è la "razionalità" della storia. Tutto si può vedere in filigrana e in trasparenza, tutto è leggibile in due modi. C'è la favola della bambina che vuole solo il male e che pian piano inizia a maturare un suo pensiero, e su un'altro piano c'è la capacità di andare oltre lo stereotipo, di capire che ogni persona è unica e libera di scegliere. E questo vale sia per sè stessi che per gli altri. Ho amato molto questo aspetto della storia, tanto che il pezzo della lotta nel deserto in cui Hania realizza cosa sta succedendo e fa la sua scelta, quello è il pezzo che ho preferito.
L'altro aspetto veramente bello del libro è secondo me la lama sottilissima tra il bene e il male. Come avevo già notato nel libro La Corona del Drago {qui la recensione}, non è possibile distinguerli nettamente. Le azioni di Hania si interpretano in mille modi diversi, e tra quello che leggiamo nella sua mente e quello che legge la gente che vede le sue azioni c'è sempre distanza.

Il messaggio più bello di questo libro è secondo me quello di capire che nessuno ha la verità e la certezza in tasca. Ogni azione va capita e compresa, prima che giudicata.
E soprattutto, dimostra che il bene è sempre, inesorabilmente, più forte del male.


«Non si sa mai cosa la vita ci metterà davanti,» diceva sempre suo padre.
«Ma quello che sai, è come l'affronterai».


Stelle: 3/5

14 commenti:

  1. Ho letto il prequel di questa serie recentemente, e l'ho trovato molto carino (adoro lo stile della De Mari), adesso sto leggendo proprio questo volume, per ora mi piace :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto e anche io adoro lo stile della De Mari! Io il prequel me lo sono scientemente tenuto per la fine ;)

      Elimina
  2. Io avevo letto il prequel perché la Giunti me lo ha quasi lanciato contro quando sono andata ad utilizzare il buono che mi avevano regalato per il compleanno e mi mancavano 2 euro da spendere xD
    Non mi aveva fatta impazzire, quindi non sono sicura di voler continuare la lettura della serie. Magari in futuro chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, a me è piaciuto ma non al punto tale di consigliarlo a destra e a manca, quindi sono d'accordo con te, lascialo lì per il futuro! ;)

      Elimina
  3. Uao Lara, la tua recensione mi è piaciuta tantissimo! E mi hai fatto venire voglia di leggere il libro nonostante alcune critiche. Per prima cosa, anch'io ho amato (e a dismisura) "L'Ultimo Elfo", dunque comprerei un libro della De Mari a occhi chiusi (non a caso, "Hania" è nella mia wishlist), poi mi piace come racconta le storie, e se lascia cogliere questo interessante tema del bene e del male che non sono più due netti schieramenti, beh, corro in libreria!
    Mi dispiace che ci siano solo due personaggi; da un po' l'idea che sia piatto, soprattutto il dialogo. Ma non è detto, perché dipende da come sono caratterizzati i protagonisti; se hanno personalità forti, possono reggere benissimo.
    Ti saprò dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, guarda, di dialoghi in effetti ce ne sono pochissimi, ma la storia è viva e vivace, quindi non è piatto! Continua a leggere la saga dell'Ultimo Elfo, perchè secondo me è molto più bella! ;)

      Elimina
  4. ciao la serie Hania mi attira molto

    RispondiElimina
  5. Anch'io prima o poi inizierò questa serie ^^ Non mi aspetto tanto, ma qualcosa di carino! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è carina! Dalle una possibilità!

      Elimina
  6. Ciao =), anch'io ho letto questa serie è davvero molto carina e non vedo l' ora che esca il terzo volume !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo ancora leggere il secondo! spero di farlo presto! Grazie del tuo commento! :)

      Elimina
  7. Ciao! Spero di riuscire a leggerlo presto, ma credo che prima abbasserò un po' le mie aspettative... Le cose che hai scritto mi hanno incuriosita, ma quello che hai scritto sui personaggi non mi ha fatto impazzire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbassa le aspettative e vai! Meglio venire stupiti che restare delusi, no? ;)

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com