Rapunzel - il musical

Fedele ai miei principi di musical-addicted convinta, anche il 2016 inizia con la recensione di un musical. Vorrei essere più costante, quest'anno, e parlarne ogni volta che ne guardo uno... ma poi tra una cosa e l'altra mi perdo sempre via, quindi vedremo come andrà.
Per iniziare però voglio lasciare qui commenti e impressioni sull'ultimo spettacolo visto all'Arcimboldi, giusto qualche giorno fa.

 

Allora, premettiamo come è iniziata la cosa. Ogni settembre mi attacco ad internet e vado a caccia di tutti i musical che verranno rappresentati nell'anno scolastico seguente, grazie soprattutto al mio insostituibile Musical.it. Cerca che ti cerca, trovo che a Milano arriverà Rapunzel, con Lorella Cuccarini nel ruolo di Madre Gothel (ricordate bene questo nome, per piacere).

Quella che trovate a questo link era la locandina che ho trovato su TicketOne quando sono andata a prenotare lo spettacolo. Ebbene, presa dall'eccitazione e dalla voglia di vedere dal vivo un altro spettacolo meraviglioso targato Disney (La Bella e La Bestia l'ho visto due volte e sono sempre stati soldi spesi meravigliosamente), ho fatto il grande, grandissimo errore di non leggere le scritte in piccolo e di non andare a cercarmi maggiori info su internet. Mi sono lasciata incantare dalla locandina, in cui c'erano una indubbia Rapunzel, un indubbio Flynn e una indubbia Madre Gothel. Stupida me. 
Se avessi letto meglio i sottotitoli, mi sarei accorta che il suddetto Flynn si chiamava Phil e che il musical era "liberamente tratto dalla fiaba originale dei fratelli Grimm". Se l'avessi letto, non ci avrei speso tutti quei soldi che ci ho speso. E soprattutto non sarei stata così gasata, ogni giorno di più, all'idea che si avvicinava la data dello spettacolo. Forse non ci sarei neanche andata.

Sì, perchè quello che mi aveva spinto a prendere i biglietti era l'idea di sentire le canzoni stupende del cartone della Disney, migliorate ancora di più dalla recitazione e dall'esibizione live. Ero così sovraeccitata, la sera dello spettacolo! Saltellavo sulla sedia come una bambinetta di sei anni.
Si abbassano le luci, la voce fuori campo invita a spegnere i cellulari e dice che per stasera la piccola Rapunzel sarà interpretata dalla bimbetta che ha vinto Ti Lascio una Canzone.
Delusione. Rabbia e delusione.
Da quelle quattro parole ho capito che non sarebbe stato lo spettacolo della Disney. Quando l'ho detto a Booth, lui mi ha risposto "magari ci sono canzoni in più perchè è dal vivo", e io annuisco. Sì, alcune cose possono essere diverse, dopotutto non è il cartone.

E infatti non era il cartone. Ma non era neanche la favola dei Fratelli Grimm, come prometteva il sottotitolo. Perchè se fosse stata una cosa totalmente originale, forse l'avrei anche mandata giù... quello che mi ha fatto veramente vedere i sorci verdi (e mi fa arrabbiare anche adesso che scrivo) era che era chiaramente una scopiazzatura della Disney!!!
La storia originale, che conosco da sempre e che ho riletto per scrivere questo post (la trovate qui, ad esempio) non c'entra assolutamente niente con il musical. Quella Disney invece è tale e quale. Tale e quale ma rimanendo al di qua del limite del plagio: sì, perchè Madre Gothel viene chiamata Go To Hell - imbarazzante!!!! - e Flynn diventa Phil. La Locanda del bell'anatroccolo diventa la locanda del lupo... e finiti qui i cambiamenti. Perchè a Rapunzel si accendono i capelli, c'è il fiore dorato, le lanterne, la gita in barca col duetto romantico, il presunto tradimento del ladro Flynn che ha rubato la corona e che finisce in prigione, la fine di Flynn con successivo taglio di capelli e salvataggio, perfino la scena di Rapunzel che passa da gioia a depressione ogni due minuti... ditemi voi se questa non è la storia della Disney! Con quella dei fratelli Grimm non ci azzecca un accidente!
La cosa che mi ha assolutamente infastidita è che invece le cose belle della Disney, ovviamente non c'erano: le canzoni erano terrificantemente terrificanti, i personaggi erano tremendi (quei due cavolo di fiori nella camera di Rapunzel mi hanno fatto venire la pelle d'oca) e i dialoghi veramente a livello primo anno di asilo. Battute pessime, banalissime, gestualità eccessiva... uno spettacolo per bambini ma pubblicizzato come un musical per grandi e piccini.
Le canzoni in particolare le ho trovate tutte estremamente insipide e banali, copiate nel senso e nei contenuti alla versione Disney ma non in grado di costruire qualcosa di altrettanto orecchiabile, divertente e gioioso. Anche il duetto romantico non mi sapeva di niente. Per non parlare del finale, in cui non solo la scena del salvataggio di Flynn è più ridicola che romantica... ma è Madre Gothel a dire a Rapunzel che se piange lo salva. Terribile.
Una delusione colossale e cocente, tanto che a metà spettacolo ho quasi proposto a Booth di tornarcene a casa. Tornare a casa a metà musical dopo tutto quello che ci avevo speso... capite? Giusto per darvi una idea della delusione.

Comunque un paio di cose che si sono salvate c'erano: la prima è stata la scena delle lanterne... davvero magica, non c'è che dire. Lì sì che mi si sono schiusi occhi e labbra per lo stupore. Ho avuto una piccola frazione dell'emozione che mi aspettavo.
La seconda è la Cuccarini. Lei è stata veramente superlativa, una ballerina stupenda, una cantante ancora migliore e l'unica attrice degna di questo nome nell'interno musical (Rapunzel non sapeva davvero di niente!!!). Le canzoni interpretate da lei non sono state affatto male e sono stati gli unici punti in cui ho applaudito. Per il resto uno spettacolo davvero davvero pessimo.

Non lascio link a nessuna canzone, a nessun sito nè a trailer o robe simili. So che dovrei, ma è stato veramente così brutto che non ho nessuna intenzione di fare pubblicità a questo spettacolo. 

8 commenti:

  1. Io vorrei vederlo perché per la prima volta lo fa nella mia città, ma non vorrei spendere soldi per poi restare delusa :-(
    Rapunzel è uno dei miei personaggi Disney preferito e rovinarla così è un colpo al cuore T_T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti aspetti la Disney non andare assolutamente... magari poi i remake a te piacciono, ma parti già con l'idea che - pur rasentando il plagio - non sarà mai all'altezza del capolavoro originale! Nel caso compra i biglietti più economici! ;)

      Elimina
  2. Io l'ho visto qualche settimana fa e a me è piaciuto molto. Certo, non è "La bella e la bestia", però...
    Confermo che della fiaba non hanno preso niente, è un remake della Disney. Io ho trovato le canzoni del musical però molto più belle di quelle del cartone animato (è uno dei pochi della Disney le cui musiche non mi hanno convinto). Abbiamo pure preso il cd!

    P.S. Ma quindi sei di Milano? Ci si potrebbe incontrare prima o poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai una cosa, forse tanto fa l'aspettativa: io ci sono andata credendo che avrebbe fatto schifo e poi mi sono ricreduta. Aspettative alte a volte fanno male.

      Elimina
    2. Hai sicuramente ragione... al mio ragazzo tutto sommato è piaciuto, ma perchè pensava che sarebbe stato tipo un'opera. Le aspettative fanno tanto, infatti la mia opinione è - come sempre - assolutamente personale e viziata dalle aspettative.
      PS: sì, abito vicino Milano. ;)

      Elimina
    3. Allora al prossimo raduno blogger che organizziamo, ti invito!
      Anzi, se mi cerchi su Facebook, ti aggiungo al gruppo.

      Elimina
    4. Non ho faccialibro (per scelta)... ma puoi sempre scrivermi alla mia mail flowerstardust.blogspot@gmail.com! ;)

      Elimina
    5. Io non l'ho voluto per tantissimo tempo, poi l'ho aperto quasi solo per lavoro e per il blog, quindi ti capisco. Ok, ti avviserò via mail quando ci sarà il prossimo raduno.

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com